Le persone non muoiono, restano incantate

Joo Guimares Rosa

"C' qui un cieco dalla fronte / grande e bianca come una nuvola. / E tutti noi suonatori, dal pi grande al pi umile, / scrittori di musica e narratori di storie, / sediamo ai suoi piedi, / e lo ascoltiamo cantare della caduta di Troia"

Edgar Lee Masters


Per Giuseppe

(dedicata a Lia e Giacomo)

Parola e voce
sogno d'un viaggio:
triste ora il teatro
del mondo
pieno soltanto di tutta
la pena per la lettera stracciata,
il canto interrotto,
il ricordo da intrecciare
per sempre custodito
nel fondo del mare.

Com' difficile perdonare
la vita se calpesta ignara
persino i suoi figli pi belli
com' difficile da immaginare
la vita se spezza improvvisa
le mani pi degne
com' difficile amare
la vita se travolge distratta
gli sguardi pi dolci.

Eppure correvi a zig zag
viaggiavi verso l'isola del tesoro
inseguivi la tua Moby Dick
dovevi scappare, non
ti dovevi fermare, non c'
nulla per cui vale la pena aspettare.
No, non vero:
rimane il raccontare
la storia d'una vita
per sempre abbracciata
alla sua luminosa
primavera.

Stefano Vitale 11 aprile 2004
(dal sito
cole)